Ci vediamo lì?

Volevo scriverlo un manuale, come voglio essere bionda da quando  dall’età di sei anni non lo sono più. Ma finora non ho avuto il coraggio di farmi i colpi di sole. Adesso il manuale l’ho scritto, c’è anche il corso, alle tinte sono allergica, non mi restano che i colpi di sole.

Col manuale ho ricevuto uno tzunami d’affetto, fiducia che mica me l’aspettavo; Mariachiara al telefono mi ha fatto un complimento che per me possiamo chiuderla qui. Donata sta facendo i compiti, l’#appendicecreativa.

Poi c’è che presento il libro al Summit Italiano di Architettura delle informazioni, sabato 5 ottobre durante il Design Book Cafè insieme ad altri autori.

E c’è l’evento La bellezza delle parole a cui l’anno scorso ho partecipato e quest’anno intervengo portando un workshop sulle liste. Ci sono pochi posti e tanti relatori che vale la pena ascoltare. È un’idea di Nicoletta Cinotti, una donna e una professionista straordinaria. È un percorso per chi ama coltivare la creatività e usa la scrittura come una pratica di consapevolezza o per lavoro.

In primavera terrò anche un laboratorio che solo l’idea merita un balletto di felicità.

La scianca che vorrei tiene botta.