I limiti che abbiamo in testa

Ormai lo sai che quando faccio sport vado in fissa. Però questa cosa del corso di nuoto mi ha fatto pensare ai miei limiti. Tu ci pensi mai ai tuoi?

Vado a nuotare per conto mio da un paio di mesi. Trenta minuti circa, due volte a settimana, e faccio dalle 20 alle 35 vasche per lo più a rana. Perché a stile mi stanco. Perché a stile mica sono brava. Perché non ce la faccio a stile. Cos’è lo stile? Così passano due mesi e il massimo che ho fatto a stile sono dieci vasche per poi morire e confermare i miei pensieri negativi.

Giorno uno del corso di nuoto: Laura, l’istruttrice, non so nemmeno se consideri la rana uno stile visto che non la nomina mai. Dorso e stile libero ecco cosa studieremo insieme.

Dorso? L’ultima volta che ho fatto dorso avrò avuto dieci anni. Non sono capace. Aiuto, panico. Penso, ma me lo tengo per me e due secondi dopo sto nuotando a dorso, come se non avessi mai smesso. A fine lezione di vasche a stile ne ho fatte una ventina. Non ho fatto una piega e quando sono uscita dalla vasca ero ancora viva.

I limiti sono quella cosa che abbiamo in testa perché ce l’abbiamo messa noi. È un attimo spostarla se non ci pensi.