Il quaderno delle liste di natale

Se c’è una cosa che ho in comune con Valentina è l’amore per il natale in qualsiasi forma si manifesti.
In freddo, in rosso, in cibo, in luci, in neve finta o vera, in maglia, in pupazzetti, trenini, palline, in oro, in tartan, in stecche di cannella, in panettone, in canti natalizi, in pini di qualsiasi dimensione, in pacchetti, biglietti, glitter, pigne, sorprese, famiglia, menù, tisane, cioccolatini e biscotti. Natale è una lunga lista di cose che ognuno guarda con gli occhi che desidera.

Io con quelli dell’amore. Me la ricordo bene quella sensazione di veder apparire i regali sotto l’albero mentre faccio chiacchiere con il mio papà. Mi fa ancora ridere pensare a mia madre mentre si precipita in camera sua, tira fuori quello che ha nascosto, si carica di cose e le infila in silenzio sotto gli aghi di pino e le palline. Già lo so che nei suoi cassetti si sarà addormentato qualche pacchetto che un giorno salterà fuori e mi provocherà un pianto di nostalgie.

Credo a Babbo Natale

Quella sensazione lì delle cose che saltano fuori dal nulla, della magia la voglio trattenere. Non ho figli a cui tramandarla, ma ho un marito a cui ho regalato un albero (finto) che non voleva e che ho costretto ad un’insana invasione natalizia dal 24 di novembre giorno del mio compleanno al 16 di gennaio giorno del suo compleanno. Io a Babbo Natale ci credo ancora.

Così Natale arriva a casa nostra e resta. Si infila nel forno coi suoi profumi, s’insidia sui comodini, sta nei barattoli pieni di lucine carine, s’intrufola negli armadi coi suoi pacchetti, esce dalla cassa con le sue canzoni i suoi ritornelli che sembra di stare in un centro commerciale.

Natale in una lista

Natale comincia con la prima lista, quella dei regali, e si srotola in un numero di liste imprevedibile, monche o lunghissime, piacevoli e non. Le liste, un altro amore che ho in comune con Valentina. Allora mentre facevamo chiacchiere, cosa che vorrei succedesse molto spesso, lei dice lista io dico foto. Io dico vendiamolo, lei dice regalo.

Succede che ci diamo date, scadenze e appuntamenti, che ci scambiamo delle email, molti cuori in privato su instagram, succede che il nostro progetto prende forma in un foglio su drive e in diversi set a casa di Valentina. Succede che un’idea diventa un quaderno, il quaderno, quello con le liste che ti accompagnano al natale, #ilquadernodelleliste. A quei due giorni il 24 e il 25 in cui esplode, insieme alla pancia.

Succede che andiamo veloce in stampa e che il corriere è più veloce di quanto ci aspettiamo e anticipa la consegna. Succede che facciamo dei buffi balletti di felicità a distanza prima di farli dal vivo insieme.

Condividi quello che ti va

Se sei in una delle nostre liste potrai condividere presto la nostra soddisfazione e raccontarci il tuo natale senza necessariamente amarlo, a quello ci pensiamo noi.