Regaliamoci tempo

Ho deciso di fare ai miei figli il regalo più bello: il tempo. Metto via per qualche mese la mia carriera per dedicarmi a loro e alla mia compagna

L’ha spiegato Fabio Volo nel suo programma su Radio DeeJay e io son rimasta a bocca aperta, da gennaio basta radio, basta tutto, qualche mese solo per la sua famiglia. L’ho trovato bellissimo, l’ho trovato un bel modo di restituire un po’ della fortuna che si è costruito. Dovrebbe essere una possibilità concessa a tutti i papà, ma questa è un’altra faccenda.

Ho pensato che anch’io mi sto concentrando di più sul tempo, quello che ho, quello di tutti i giorni e anche se faccio di continuo previsioni per il futuro, sento sulla pelle ogni secondo di quello che ho. E mi ripeto spesso che questa vita nonostante tutto è davvero bellissima.

Sarà l’età?

Poi se te lo devo dire, penso anche, subito dopo, a quale sciagura mi capiterà per essere tanto soddisfatta di quello che ho, ma il melodramma fa parte di me.

Allora niente regali solo tempo, a Natale, ma anche tutti i giorni. Tempo per fissare i ricordi, condividere momenti, vedere con gli stessi occhi, stare con le persone che ci piacciono di più, fare le cose che non facciamo mai e che “quanto vorrei farle”.

Per ogni giornata no, per ogni visita medica, per ogni merdone che mi piomba sulla testa scelgo di dedicarmi a me, di mettere un po’ di tempo via per condividermi con chi mi ama.

Poi chi ti ama ti restituisce sempre qualcosa, un arcobaleno, una carezza, un complimento, un sorriso gentile. Volevo Nanni Moretti per dire, e l’ho avuto.

(Sì, ascolto e talvolta leggo Fabio Volo, non ti nego che vorrei avere un briciolo del suo essere pop).